Metodi di estrazione

Gli oli essenziali vengono estratti per lo più tramite la distillazione in corrente di vapore, ossia un processo a bassa temperatura durante il quale il vapore viene fatto circolare sotto pressione attraverso il materiale vegetale, al fine di far confluire gli oli essenziali nel vapore stesso. Man mano che la miscela di vapore si raffredda, l’acqua e gli oli vengono separati e l’olio viene raccolto nella sua forma più pura. Per assicurare la più alta qualità dell’estratto oleoso di una corretta composizione chimica, la temperatura e la pressione deve essere monitorate scrupolosamente. livello troppo bassi di temperatura e pressione non producono rilascio dell’olio privilegiato; allo stesso modo, livelli troppo alti delle stesse possono provocare la frattura della delicata composizione chimica di un estratto e alternarne l’efficacia.

Non meno importante per il processo di estrazione attentamente controllato è la meticolosa selezione delle specie vegetali corrette e delle parti della pianta raccolte al momento giusto, ossia quando vi è una maggiore concentrazione dei loro composti di oli essenziale; tale operazione è altresì necessaria se si vuole ottenere un estratto di oli essenziali di grado certificato di alta qualità. Questo processo complesso può essere considerato tanto una forma d’arte quanto una scienza e, pertanto, richiede la collaborazione tra coltivatori e distillatori qualificati, al fine di garantire un prodotto superiore.